linguine agli scampi

Submitted by Vinaigrette on Ven, 01/06/2007 - 22:13
linguine agli scampi

Cucinare il pesce passa per cosa difficile o, quantomeno, impegnativa. In realtà se si tiene conto che tutte le pescherie sono disposte a pulire quanto da voi acquistato e che il maggior apprezzamento è reso possibile dalla semplicità della preparazione allora i principianti si renderanno conto che l'accesso al tema non è affatto loro negato.
Nel caso degli scampi, poi, non è necessario neanche l'aiuto del pescivendolo, perchè basta togliere ai meschini le antenne e quelle che sembrano zampine e lavarli velocemente sotto l'acqua corrente (qualcuno toglie anche gli occhi ma la cosa appare eccessivamente cruenta) .

Ingredienti
per 4 persone
500-600 gr di scampi
350-450 gr di linguine
2 pomodori tondi ben maturi
2 spicchi di aglio
un bicchiere di olio e.v.o. (extravergine di oliva)
mezzo bicchiere di vino bianco secco
prezzemolo, peperoncino, sale q.b.
Preparazione
Mettete sul fuoco una pentola con l'acqua per la pasta e portate a bollore. Nel frattempo spellate i pomodori, scolateli della loro acqua e tagliateli a cubetti. Pulite e lavate gli scampi. In una padella (capace di contenere scampi e pasta) versate l'olio, mettete gli spicchi di aglio schiacciati, il peperoncino se e nella quantità che vi piace e fate scaldare a fiamma bassa (non rosolare). quando l'olio è ben caldo (l'aglio e il peperoncino sfrigolano) buttate gli scampi, alzate la fiamma e rigirateli tre o quattro volte. Versate il vino bianco, fate evaporare. Buttate nell'acqua che nel frattempo bolle un pugnetto di sale e le linguine. Aggiungete agli scampi nella padella i cubetti pomodori e rigirate. Quando la pasta è al dente scolatela e versate anche questa nella padella insieme ad un cucchiaino di prezzemolo tritato. Fate insaporire qualche minuto girando e servite.
Ti piace questo post? Dillo ai Tuoi amici!
Condividi questo Post sul Tuo network preferito!
Share this

Commenti

Submitted by Patrizia (non verificato) on Mar, 05/06/2007 - 11:07.

Sono appena rientrata da una breve vacanza marinara. Preparerò subito le tue linguine per rimanere ancora nell'atmosfera :)

Submitted by Francesca (non verificato) on Mar, 05/06/2007 - 13:21.

ottima per un pranzo domenicale!

Submitted by Vinaigrette on Mar, 05/06/2007 - 22:44.

Buon appetito!

Submitted by Vinaigrette on Mar, 05/06/2007 - 22:47.

Ma lo sai che io non ho mai cucinato il pesce di domenica?

Submitted by Mr.K (non verificato) on Mer, 15/08/2007 - 18:14.

Non ci posso credere! ci sono riuscito! e nn ci credono nemmeno i miei amici..che ancora dicono...ma tu nn eri quello che nn sapeva riscaldare nemmeno il latte? !!! grazie ai vs preziosi consigli! :) grazie ancora!

Submitted by Vinaigrette on Dom, 26/08/2007 - 00:44.

Prego, prego Mr.K, non c'è di che, spero di esserti utile ancora, torna a trovarmi. ciao

Submitted by rino (non verificato) on Mar, 17/02/2009 - 15:13.

Spero di fornire un suggerimento utile che dovrebbe valere in special modo per i primi a base di pesce. Porterei una banale ma decisiva variante ai fini del gusto. Premessa, mi son sempre chiesto cos'è che fa "sentire" il sapore del pesce anche "sulla", "nella" pasta e, dulcis in fundo, nel sugo. Cos'è che fa legare insomma il sapore senza che il piatto diventi un primo di pesce... al pomodoro? Il segreto: togliete la pasta a meta cottura e completate la stessa in padella con del fumetto di pesce (il fumetto di pesce si ottiene dalla bollitura di avanzi del pesce che state lavorando uniti a sedano carota e cipolla. Perchè? perche la pasta, cuocendo, rilascia amido che non si disperde nell'acqua di cottura ma si concentra e lega perfettamente la stessa al fumetto e al sugo già pronto che aggiungeremo prima che la cottura sia ultimata. Fatemi sapere se la variante porta un sapore più intenso. Scommettiamo? E... per carità, non mantecate fina a far soffriggere gli spaghetti... orrore... (Rino Cetara)

Submitted by Vinaigrette on Mer, 18/02/2009 - 22:03.

Ottimo suggerimento, Rino, al quale aggiungerei la modalità di preparazione del fumetto: meglio tostare lische e carapaci con gli aromi prima di aggiungere una spruzzata di vino bianco (buono) e quindi l'acqua. Condivido l'orrore in caso di spaghetti "fritti" :) ciao.

Submitted by Clarissa (non verificato) on Sab, 21/02/2009 - 19:11.

Io usa la stessa tecnica nella preparazione di spaghetti ai frutti di mare, dopo averli fatti aprire in pentola loro stessi cacciano l'acqua, io filtro quell'acqua e parte la verso nella pasta e l'altra la lascio da parte per saltare tutto in padella. Ottima...ti volevo chiedere, ancora niente per quanto riguarda i panini mantovani?

Submitted by Vinaigrette on Ven, 27/02/2009 - 07:27.

Clarissa ho aspettato invano la promessa e-mail di Claudio con la ricetta, mi spiace molto. Il 21-22 marzo frequenterò una lezione sul pane delle mitiche sorelle Simili (ne avrai sentito parlare) chiederò loro. ciao

Submitted by Clarissa (non verificato) on Sab, 28/02/2009 - 11:36.

Aspetterò con ansia,non sono un'esperta in cucina, però mi piace mettermi alla prova e la voglia di cucinare questi panini è troppo forte. Ti ringranzio moltissimo per tutto ciò che stai facendo, altre persone al posto tuo se ne sarebbero fregate. Buon fine settimana!

Submitted by Vinaigrette on Dom, 01/03/2009 - 21:24.

Per così poco!

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici