Aldo Fabrizi, Cuoco, Poeta, Attore

Submitted by Vinaigrette on Mar, 01/11/2005 - 11:01
Argomenti:
 Aldo Fabrizi, Cuoco, Poeta, Attore
In occasione del centenario della nascita di Aldo Fabrizi (Roma, 1 novembre 1905), SKY presenta Aldo Fabrizi: cuoco, poeta, attore un nuovo documentario della serie Cinema Doc, realizzato da Alessio Accardo e Emanuele Marchesi, in onda in prima tv martedì 1 novembre alle ore 19,55 su SKY Cinema Classics.
Il documento propone una panoramica sulla lunga carriera di uno degli artisti che meglio ha incarnato lo spirito di Roma e dell’Italia intera. Il ricordo si snoda tra le sue passioni con particolare attenzione alla cucina il suo mestiere e la sua città. Con le testimonianze dei suoi familiari (il figlio Massimo, i nipoti Cielo Pessione e Aldo Trabalza) di chi l’ha conosciuto e ha lavorato con lui (Franca Faldini, Antonello Fassari, Marco Giusti, Carlo Lizzani, Luigi Magni, Marisa Merlini, Mario Monicelli, Enrico Montesano, Giovanna Ralli, Armando Trovajoli).
Il documentario si sviluppa attraverso capitoli narrativi introdotti da alcuni dei sonetti e delle poesie composte dall’attore e recitati per l’occasione da Gigi Proietti.
Fabrizi esordisce negli anni 30 in teatro come autore di macchiette e canzoni e attore d’avanspettacolo e di rivista. Arrivano poi le esperienze nella prosa e nel musical, e il successo internazionale di “Rugantino” (che lo vede nel ruolo indimenticabile di Mastro Titta).
E poi la scoperta del cinema, l’esordio nel 1942 con “Avanti c’è posto...” di Mario Bonnard, la conoscenza di Fellini che fu a lungo suo autore personale e il rapporto conflittuale con un’altra icona della romanità, Anna Magnani.
Seguono gli anni del neorealismo e del cinema d’autore: da ’Roma città aperta’ a ’C’eravamo tanto amati’, passando per alcuni capolavori di Luigi Zampa, Roberto Rossellini, Renato Castellani, Alessandro Blasetti, Alberto Lattuada. Senza dimenticare il rapporto con Totò: 8 film insieme, tra cui pellicole quali ’Guardie e Ladri’ e ’Totò, Peppino e i giovani d’oggi’.
Negli anni Cinquanta Fabrizi ottiene un grande successo anche come regista, con la serie de ’La famiglia Passaguai’. Fu infatti un cineasta poliedrico: oltre ad essere attore per 76 film, ha firmato la regia di nove lungometraggi, ha scritto 25 sceneggiature e prodotto 3 film.
Nel 1990, pochi giorni prima della morte, ha ricevuto un David di Donatello alla carriera.
Un capitolo a parte è riservato alla grande passione di Fabrizi per la cucina: l’attore, sull’argomento, ha prodotto una serie di poesie e sonetti, raccolti in tre testi ovvero La pastasciutta, Nonna minestra e Nonno Pane.
Il documentario è il primo appuntamento di “Omaggio a: Aldo Fabrizi”, che si snoda per una settimana intera: da martedì 1 a domenica 6 novembre, in prima serata, su SKY Cinema Classics, verrà infatti trasmesso un film interpretato dall’attore romano.
Per quanto riguarda le prime tre serate: il 1 novembre dopo il documentario, alle 21, verrà trasmesso CAMPO DE’ FIORI di M. Bonnard.
Con: A. Fabrizi, A. Magnani, P. De Filippo(1943). Il 2 novembre, ore 21, I TARTASSATI di Steno. Con: A. Fabrizi, Totò, M. Campa(1959). Il 3 novembre é la volta di SETTE MONACI D’ORO di B. Rossi. Con: A. Fabrizi, R. Vianello, M. Konopka (1966) (Nexta Media)

NextaMedia

Ti piace questo post? Dillo ai Tuoi amici!
Condividi questo Post sul Tuo network preferito!
Share this
Tag:

Commenti

Submitted by Riccardo (non verificato) on Gio, 10/11/2005 - 17:00.

Dopo ave' ritrovato 'na poesia de 'n'attore così grande (e nun se parla solo de mole),
me sò letto e riletto quelle parole, nun sò capace de fa poesie però pe' lui era tutto naturale esse coco, magnatore e grande attore.
GRAZIE Aldo pe' tutto quello che c'hai lasciato firm, ricette e tanti ricordi, quanno te ne andasti ero rigazzino e me te ricordo
come te se ricorda Roma tua e che 'sto GRAZIE te lo deve perchè tu a Roma tua gli hai lasciato er core.
GRAZIE

Submitted by Giuliano Parente (non verificato) on Mer, 30/11/2005 - 12:37.

Commemorazione al noto ARTISTA, con questa parola la voglio dire veramente tutta, un vero uomo di cui esserne fiero, nel suo tempo e a quelli a seguire, come esempio di vita da percorrere. Per me doveva essere Presidente del Mondo saggio nella sua ignoranza efficace, e, d'effetto. Mi serebbe piaciuto essere rappresentato da un Italiano così: (umano, comprensivo, severo, intraprendente, gioioso, allegro, buffo, pensatore, professionista, generoso, ecc...
"proposta di premio al nobel per l'uomo".

Giuliano Parente

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici