Tutto Sulle Ricette E Molto Altro Ancora

Passatelli romagnoli

Submitted by Vinaigrette on Mar, 07/02/2012 - 20:28
passatelli_620.jpg

Dalla cognata romagnola l'insegnamento, dal sito:http://www.passatelli.it/ il racconto:

I passatelli sono nati nelle case contadine romagnole con l' utilizzo di avanzi e materiali poveri di cucina come il pane raffermo, il formaggio indurito (oggi opportunamente sostituito dal Parmigiano-Reggiano), le uova e, in alcuni casi il midollo di ossa di bue, che richiedono tutta l'abilità dell' "arzdora" (regina del focolare, simbolo di operosità instancabile e cardine del tradizionale nucleo famigliare in Romagna ) affinché l'impasto sia della giusta consistenza per poi poterne ricavare, attraverso l'apposito strumento chiamato "e fér", il ferro, i maccheroncini da cuocere in brodo.

L'elemento caratterizzante per fare i passatelli è costituito appunto dal "e fer", strumento di ferro simile allo schiacciapatate, di forma concava , con fori, dotato di due manici laterali per schiacciare con forza sull'impasto fino a farlo fuoriuscire dai fori con la tipica forma. Si chiamano passatelli proprio perché prendono la forma particolare passando dai buchi dello specifico strumento, chiamato anche stampo. In passato i passatelli erano la minestra delle feste e delle grandi occasioni come la Pasqua, l' Ascensione, i battesimi, le cresime ed i matrimoni; a Natale invece venivano sostituiti dai cappelletti in brodo.
I passatelli erano considerati un piatto pregiato in quanto venivano fatti con pane bianco; la ricetta prevedeva che pangrattato e parmigiano venissero utilizzati in egual misura, ma nelle case dei ricchi prevaleva il parmigiano mentre, nelle case dei poveri prevaleva il pane. Per ottenere un buon passatello bisogna usare pane comune bianco, ben secco e grattuggiato finemente. Per rendere l'impasto più morbido può essere utilizzato midollo di bue tritato ( alcuni usano come varianti semolino o una manciata di farina). Gli ingredienti vanno amalgamati con cura, fino ad ottenere un impasto compatto e di buona consistenza affinché, premendo il composto con "e fer", si riesca a farlo fuoriuscire dai fori dando luogo alla tipica minestra di forma cilindrica con diametro di circa 4-5 millimetri e lunghezza 8-10 centimetri, di colore giallognolo ed aspetto rugoso.
La ricetta tradizionale prevede che i passatelli, una volta preparati con l'aiuto dell'apposito strumento, vengano cotti e serviti in un ottimo brodo di carne.

Bignole di cavolfiore

Submitted by Vinaigrette on Dom, 29/01/2012 - 20:58
bignole_di_cavolfiore_0.jpg
bignole_di_cavolfiore_02_0.jpg
bignole_di_cavolfiore_03_0.jpg

Sarà capitato anche a voi di sfogliare le piccole riviste distribuite dai supemercati che contengono informazioni e consigli, naturalmente di carattere culinario. Orbene, tempo fa, una ricetta aveva suscitato particolare interesse, tanto da meritare ritaglio e conservazione, in attesa di più concreta ispirazione. Il momento giunge, nella media mattinata, a motivo della disponibilità del principale ingrediente: l' appena lessato cavolfiore. Tutto ok l'impasto, la frittura e l'apparenza, le bignole, infatti, si sono gonfiate perfettamente, come di dovere. Al momento dell'assaggio, però, l' aspettativa di croccantezza (l' unica, a personale giudizio, che fa meritare alle occasionali fritture il peccato di gola) si è infranta di fronte al boccone, tutto sommato non disdicevole ma decisamente "incorporeo". Migliore il risultato della sperimentazione in forno (fuori ricetta) ma in ogni caso la spesa, in termini di tempo, non vale proprio l'impresa a meno, naturalmente, di preferenze e gusti di segno opposto

Ingredienti
gr 125 di acqua
gr 65 di farina
gr 30 di burro
2 uova
gr 200 di cimette di cavolfiore lessate
un cucchiaio di grana
sale q.b
olio di semi di arachidi .b.
Preparazione
Portate a bollore l'acqua con il burro e un pizzico di sale; versate la farina e mescolate finchè si staccherà dalla casseruola con un leggero sfrigolio. Fate raffreddare e incorporate, sempre mescolando (meglio se con la frusta- anche elettrica) un uovo e al completo assorbimento di questo l'altro uovo. Aggiungete a questo punto il cavolfiore tagliuzzato e il grana.
Friggete piccole cucchiaiate del composto in olio profondo. Scolate le bignole su carta assorbente e servite.

Panini al latte

Submitted by Vinaigrette on Gio, 12/01/2012 - 20:20
panini_al_latte_0.jpg

Come postato dalla figlia (who lives in Florence), così pubblicato:
"mamyyyy guarda che meraviglia!!
ho fatto i panini al latte!! e sono anche buoni :D"
Che dire... Brava bravissima anzi di più!
(i figli so' veramente piezz e' core)
Pane al latte

Melanzane trifolate con ceci tostati ed erbe aromatiche

Submitted by Vinaigrette on Mer, 14/12/2011 - 07:42
melanzane_trifolate_con_ceci_tostati.jpg

ceci_tostati.jpg
Dopo tante dolcezze, come da post precedenti, una proposta salata, (ma non come i tempi che stanno correndo), che viene dalla garbatissima Laura la quale suggerisce, ulteriormente, l'aggiunta di semi di lino, anche questi tostati, non ancora personalmente sperimentata, ma in programma pressochè per l'immediato.

Ingredienti
per 4 persone:
500 gr di ceci lessati
2 belle grosse melanzane
1 scalogno (oppure una piccola cipolla rossa)
erbe aromatiche varie (basilico, timo, erba cipollina, origano...)
sale e olio extravergine di oliva q.b.
Preparazione
Lavate le melanzane, tagliatele a tocchetti, ponetele in uno scolapasta, spruzzatele di sale e lasciatele a perdere la loro acqua amarognola per almeno un ora. Intanto in una padella antiaderente fate rosolare i ceci ben sciacquati e scolati e tenete da parte. Nella stessa padella versate qualche cucchiaiata di olio e un pochino di acqua (meglio una spruzzata di vino bianco) e fate appassire la cipolla o lo scalogno e trifolate i cubetti di melanzane con le erbe aromatiche che più gradite. Aggiungete i ceci rimestate ed ecco fatto.

Biscotti al farro con gocce di cioccolato e corn flakes

Submitted by Vinaigrette on Mar, 06/12/2011 - 13:37
Biscotti al farro con gocce di cioccolato e corn flakes

Ancora pasticceria e bon bon. La imitazione di questi viene da Federica che , però, ha sostituito le gocce di cioccolato, previste nella ricetta originale, con cioccolato fondente sbriciolato. Se ne condivide la scelta dopo aver sperimentato e assaporato entrambe le versioni, purchè il cioccolato non venga polverizzato come, purtroppo, in una delle prove effettuate. L' utilizzo del frullatore piuttosto che del coltello ha determinato risultati poco soddisfacenti . Venuta meno la combinazione di croccantezza tra scaglie (o gocce) di cioccolato e corn fakes, gli interessanti pasticcini sono, tristemente, scivolati nella banalità (va detto, comunque, che non s'è buttato via niente).

Ingredienti
300 gr di farina di farro,
150 gr di burro
150 gr di zucchero
2 uova
150 gr di gocce di cioccolato
1/2 bustina di lievito
fiocchi di mais
Preparazione
Battere il burro ammorbidito a temperatura ambiente con le uova e lo zucchero. Aggiungere la farina il lievito e , da ultimo, le gocce di cioccolato. Amalgamare il tutto, formare delle palline, passarle nel corn flakes e infornare a 180° per 15/20 minuti. Una volta freddi potete conservarli in scatole di latta.

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici