Fashion Food alla Rinascente di Firenze

Submitted by Vinaigrette on Ven, 11/05/2012 - 15:37
Argomenti:

rinascente-firenze-food.jpg

articolo tratto da http://blog.atcasa.corriere.it/food-design

In Piazza della Repubblica a Firenze inaugura una nuova meta per i palati raffinati e gli esteti della tavola: un’area tutta dedicata al food al 4° piano dello store la Rinascente.

Il design è quello dei food market internazionali ma i sapori appartengono al miglior gourmet Made in Italy, dagli oli extra vergine delle migliori coltivazioni, al cioccolato da gioielleria. Non mancano però anche i prodotti dal mondo, come le spezie e i tè.

Un luogo destinato a diventare un riferimento in città per acquistare prodotti DOP e stuzzicanti idee regalo proprio nel mezzo della passeggiata dello shopping. Per i turisti di passaggio, affamati di Italian Style, o per i fiorentini che vogliono togliersi qualche sfizio culinario. (LG)

aglio nero a prova di bacio

Submitted by Vinaigrette on Mer, 10/03/2010 - 19:21
Aglio nero_zwarteknoflook.nl/?lang=en

Un simpatico e interessante articolo di Eleonora Cozzella da "L'Espresso Food & Wine" che si riporta in parte

La passione per l'aglio in cucina rischia di mettere in pericolo la vostra love story? Arriva in soccorso il black garlic, l'aglio nero ottenuto dalla fermentazione del classico bulbo. Approdato dall'Asia nei supermercati londinesi sta già incuriosendo cuochi e gourmet
Argomenti:

Basta con momenti imbarazzanti, tentativi di baci poi negati o overdose di dentifricio nella speranza che il retrogusto d'aglio sparisca. Il compagno di vita non condivide la vostra passione per la bruschetta vecchia maniera? Allora cambiate colore. A correre in aiuto di relazioni a rischio - causa alito - arriva il black garlic.

Usato da tempo in Tailandia e Corea, è sbarcato l'anno scorso negli Stati Uniti e di recente in Europa: fa capolino dagli scaffali di Selfridges, grandi magazzini londinesi.

All'apparenza si tratta di teste d'aglio come le altre, ma quando si aprono per prenderne gli spicchi, ecco la sorpresa: la polpa è totalmente nera. Non per una modificazione genetica, come si potrebbe pensare, ma per un processo di fermentazione. L'aglio contiene infatti zuccheri e aminoacidi che, con la fermentazione, producono la melanoidina, una sostanza scura responsabile per esempio del colore della birra.

L'aglio nero, ottenuto lasciando fermentare l'aglio ad alta temperatura per circa un mese, ha il sapore pieno del classico bulbo (solo un po' meno pungente) ma non lascia il retrogusto tanto temuto. Il risultato è un aglio esternamente molto simile al normale ma con la buccia un po' secca, "cartacea". Una volta pelato risulta invece nero-inchiostro e con una consistenza un po' gommosa. In Asia è impiegato in numerose ricette, specialmente di pesce, e in alcune bevande dove a volte è usato in sostituzione del tamarindo....

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici