La Festa Dei Frutti Dimenticati

Submitted by Vinaigrette on Ven, 09/09/2005 - 20:41
Argomenti:
La Festa Dei Frutti Dimenticati

Avete mai sentito parlare di pere spadone (che non sono frutti da combattimento) o di corbezzoli ( non come esclamazione di sorpresa)? Casola Valsenio, suggestivo borgo dell’alta Valle del Senio, prossimo a quella parte della provincia di Firenze che sconfina sul versante Adriatico dell’Appennino, vi consente di scoprire o riscoprire tante meraviglie con la "Festa dei Frutti Dimenticati". Da sabato 15 (pomeriggio) a domenica 16 ottobre gli agricoltori casolani espongono i loro prodotti salvati dall’estinzione : giuggiole, pere spadone, nespole, azzeruole, sorbe, avellane, castagne, corbezzoli, corniole, noci, melegrane, mele della rosa, cotogne, pere volpine e tutti gli altri piccoli frutti autunnali, un tempo consumati dalla popolazione contadina della collina, che i mutamenti sociali ed i modi di vita, insieme ad un nuovo mercato e nuove mode alimentari hanno via via emarginato...
E per chi si vuole cimentare con i frutti dimenticati, tre concorsi: per la migliore confettura casalinga, il migliore liquore, prodotti utilizzando in modo prioritario questi frutti e per la "bancabella". Durante le due giornate saranno presenti vari gruppi di cantastorie, provenienti da tutta Italia, che rallegreranno l'atmosfera, donano alla festa quel sapore un pò retrò, che contraddistingue questa singolare forma d'arte. Insieme al recupero culturale ed alimentare, la festa casolana incentiva anche il recupero materiale di queste piante con esposizione e vendita di piccole piante da frutto per favorire la ripresa di quelle coltivazioni a scopi commerciali o per abbellire giardini e parchi. Finalità perseguita anche dal Comune di Casola Valsenio con la realizzazione della “Strada dei frutti dimenticati” che si snoda lungo il crinale tra i fiumi Senio e Santerno, dal Passo del Corso alla rocca di Monte Battaglia (m. 715 s.l.m.). È un percorso panoramico di alcuni chilometri fiancheggiato da otto oasi che ospitano circa 50 di quelle piante da frutto che in passato crescevano spontaneamente nei boschi o venivano coltivate nei pressi delle case coloniche.
Info. Pro Loco Casola Valsenio tel. 0546 73033
Comune Di Casola Valsenio

Ti piace questo post? Dillo ai Tuoi amici!
Condividi questo Post sul Tuo network preferito!
Share this
Tag:

Commenti

Submitted by Marco (non verificato) on Mer, 09/11/2005 - 21:43.

Peccato aver letto tardi questa notizia, cercherò di organizzarmi per l'anno prossimo, intanto aggiungo un articolo trovato sul sito www.buonpernoi.it: Orti dimenticati, frutti perduti, ricette trovate in soffitta. Parole che evocano odori e sapori di una volta da riportare non soltanto sulla nostra tavola, ma anche nella nostra vita.
Sulle nostre tavole è spesso la monotonia a farla da padrona visto che ormai nulla vieta più (a parte il prezzo) di mangiare fragole a Natale, ciliegie a Capodanno e mele a Ferragosto. Ma mentre è ormai risaputo che va privilegiata la frutta di stagione, poco si sa invece sulle vecchie varietà. E pensare che la situazione, stando ai dati della Fao, è davvero preoccupante: dall’inizio di questo secolo è andato perduto circa il 75% della diversità genetica tra le piante coltivate, alberi da frutto compresi. Colpa della frutticoltura industriale che seleziona le specie arboree ricercando una sempre maggiore pezzatura del frutto, una sempre migliore simmetria, scartando, perché poco redditizie, vecchie varietà. Che fare? Sono numerosi gli enti pubblici, le associazioni e le strutture private che operano nel settore della tutela delle specie agricole tradizionali. Ma la salvaguardia dei frutti dimenticati dipende anche da noi consumatori che dovremmo darci da fare per portare in tavola frutta antica: il nostro palato apprezzerà di certo!
Sorbi, cotogni, prugnoli, lime, limette, piretti… Ne avete mai sentito parlare? Sono solo alcune delle varietà di frutta antica che enti pubblici e associazioni stanno cercando di proteggere dall’estinzione. Piantatele nei vostri giardini o portatele sulle vostre tavole e così, oltre a salvaguardare questi frutti dimenticati, assaporerete anche gusti antichi.

Submitted by Roberto (non verificato) on Gio, 30/10/2008 - 12:06.

Mi premeva segnalarVi una carrellata fotografica relativa a questa bella ed interessante rassegna autunnale :
Colori E Sapori D'Autunno
A prescindere dall'erroneo commento finale - Festa dei Frutti Perduti,... piuttosto che Dimenticati", le immagini si riferiscono all'ultima edizione di questo Ottobre '08.

Buona giornata a tutti !!!

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici