Ricette Inviate Dagli Amici E Dalle Amiche Di Vinaigrette

Zuppa di Ceci e Castagne

Submitted by Vinaigrette on Mer, 08/12/2010 - 15:16
Ateleta neve<br />
Zuppa di Ceci e Castagne

Ancora Inverno, ancora freddo, ancora Zuppe, anche questa "di un Buooonoooo!!!" L'autrice è Marina, amica aquilana di grande cuore la cui frequentazione aggiunge note positive al quotidiano. Ed ecco la sua ricetta:

Ingredienti

300 gr di ceci
300 gr di castagne
rosmarino
1 spicchio d'aglio
sale q.b. pepe (facoltativo)
olio e.v.o.

Preparazione

In una terrina mettete i ceci in ammollo per almeno 12 ore.
Incidete le castagne orizzontalmente e passatele in forno per pochi minuti, sbucciatele e tenetele da parte.
Cuocete i ceci a fuoco lento con l'aglio vestito e il rosmarino. Quando i ceci sono ben cotti aggiungere le castagne, un po' di sale e proseguite la cottura fino a quando anche le castagne saranno diventate tenere e la zuppa bella cremosa.
Aggiungete un filo d'olio alla zuppa, aggiustate di sale, pepate e togliete dal fuoco. Servite, volendo, con crostini di pane conditi con olio e.v.o. crudo

Zuppa di ceci e castagne 02

(prima foto giardino di Vinaigrette)

Baccalà di Nonno Dino

Submitted by Vinaigrette on Ven, 05/03/2010 - 21:19
Baccalà di Nonno Dino

Foto e ricetta inviate da Katia 2 (la prima è l'amica dei Nocciolini all'Amarena). Katia è una simpatica ragazza, entusiasta della vita, che adora suo Nonno e le sue specialità culinarie, tanto da imitarne , con successo, le gesta, come nel caso del Baccalà doverosamente intitolato a suo nome. Grazie Nonno Dino, a nome della blogosfera che di sicuro si aspetta ulteriori proposte.

Ingredienti
x 4 persone:
500 g di baccalà
200 g di peperoni verdi o gialli
200 g di pane non molto raffermo (4 fette senza crosta)
20 olive nere al forno
1 manciata di pan grattato
Preparazione
Mettete a bagno il baccalà x 2 giorni, ricordandovi di cambiare
l'acqua ogni 6/8 ore. Sfilacciate in piccoli pezzi il baccalà con le mani, eliminando le spine e i filamenti, aggiungete la mollica di pane sbriciolata (più il pane e' fresco, meglio si sbriciola), poi i peperoni tagliati sottili che precedentemente avrete fritto (con il loro olio di cottura), infine le olive nere. Amalgamate bene il composto e versatelo in una teglia con carta forno. Spolverate con il pan grattato. Infornate in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 25 min a funzione ventilato. Servite tiepido.

Torta di Rose al Radicchio Rosso

Submitted by Vinaigrette on Dom, 31/01/2010 - 23:14
Torta di Rose al Radicchio Rosso

Gentilmente inviata dalla bravissima Katia, una ricetta realizzata con il Bimby, da imitare subito subito, non appena procurato radicchio e speck. Gli altri ingredienti dovrebbero essere a portata di tutte le dispense. Chi non avesse il Bimby, può, naturalmente, seguire il percorso in maniera tradizionale.

Ingredienti

Per 6 persone:
Per il ripieno:
350 gr di radicchio veronese
50 gr di fontina a pezzetti
50 gr di provola a pezzetti
1 scalogno
100 gr di speck a fette
30 gr di olio extravergine di oliva
sale e pepe q.b.
Per la pasta:
350 gr di farina
150 gr di latte
1 cubetto di lievito di birra
20 gr di olio
3 tuorli d'uovo
sale e pepe q.b.

Preparazione
Lavare e asciugare il radicchio, tagliarlo a pezzi. Mettere nel boccale la fontina e la provola e tritare (5 sec a velovità 7) tenere da parte. Tritare lo scalogno e lo speck (5 sec vel 7) aggiungere l'olio e rosolare (3 min 100° vel.1). Unire il Radicchio, tritare (5 sec vel 5).
Aggiustare di sale e pepe, continuare la cottura per 5 minuti (temp. varoma, vel 1), togliere e mettere da parte.

Preparare la PAsta:
Versare nel boccale tutti gli ingredienti, impastare 3 minuti. Stendere la pasta su un foglio di carta forno, ottenendo una sfoglia sottile. Spalmare la farcia di radicchio e formaggio. Arrotolare la sfoglia su se stessa formando un cilindro. Tagliare dei tronchetti alti 4 cm e chiuderli nella parte inferiore. Sistemarli in una teglia distanziati l'uno dall'altro e far lievitare per un'ora circa . Cuocete in forno caldo a 180° per 30 min circa.

Il Brodo Di Nonna Maria

Submitted by Vinaigrette on Mar, 13/10/2009 - 12:22
Brodo di Nonna Maria
Brodo di Nonna Maria

Amore, Gusto e Nostalgia, questi i principali ingredienti di un brodo molto particolare e prelibato che viene da qui: La Mia Roccaraso (Foto UDC)

"...un piatto che lei (Nonna Maria) non cucinava spesso, ma che nonostante il caldo estivo, caratterizzava ogni anno il pranzo del giorno del protettore Sant’Ippolito. Era preceduto da un semplice antipastino, ma al quale difficilmente seguiva altro, per i nipoti, due piatti del brodo roccolano e basta. E vi pare poco? Ascoltate, anzi leggete com’è fatto.
Si prende del pane raffermo, lo si passa nell’uovo battuto e si friggono delicatamente un po’ di fette che poi si tagliano a piccoli cubetti.
Si cuociono alcune uova sode che poi si tagliano a pezzetti.
Si preparano un certo quantitativo di palline di carne macinata di vitello e si soffriggono delicatamente.
Si prepara un buon brodo di carne mista di vitello con qualche osso e un bel gambo di sedano, che alla fine viene tagliuzzato in tanti pezzetti e riversato nel brodo insieme alle palline di carne per completarne la cottura; il sedano è importante perché da un sapore particolare.E se non ci credete chiedetelo a Luigi, Consuelo, Marco, Corinna, Giorgio e Davide, messi così in fila come li ha cresciuti il “sergente di ferro”: nonna Maria.
E adesso a tavola, ognuno mette nel piatto un paio di cucchiai di cubetti di pane, l’uovo sodo e versa il brodo insedanato e ricco di palline di carne. Semplicemente delizioso."

Prima Comunione

Submitted by Vinaigrette on Sab, 06/06/2009 - 19:23
Torta Prima Comunione

Le compagne di scuola (ovviamente di cucina) hanno risposto con entusiasmo ad un appello di Vinaigrette per una buona causa. Guardate che meraviglia la torta di Dorotea! Peccato che la foto non renda tutta la giustizia che ha meritato (sera, poca luce, flash, fotografa).
Dorotea ha utilizzato due grandi fette di pan di spagna di forma rettangolare, ha preparato una crema pasticcera alla quale ha unito fragole, con questo composto ha farcito la torta che poi ha ricoperto con una glassa leggerissima e decorato con fiori freschi rigorosamente lavati ed asciugati. Grazie dunque alla "pasticciera", a Loretta, Gabriella, Graziella, Elda, Rosaria (che ha coinvolto anche il gentilissimo consorte) e un enorme grazie a Yuri, impareggiabile allievo dell'Istituto Alberghiero di Villa Santa Maria (CH) che, nonostante l'inizio degli esami il giorno successivo, si è prodigato senza risparmiarsi per la migliore riuscita della sarata.

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici