Tutto Sulle Ricette E Molto Altro Ancora

Risotto Alle Margherite Pratoline

Submitted by Vinaigrette on Mer, 09/11/2005 - 14:39
boh

A tutti i super romantici un po' insicuri, che si trovano ad interrogare margherite per avere cognizione dell'amore o non amore dell'amato, consigliamo di non sprecare i poveri petali che contribuiscono al responso finale , ma di utilizzarli per un delizioso risottino che si potrà gustare in due ( in caso di esito favorevole), oppure da soli , con doppia razione consolatoria.
Risotto alle margherite pratoline

Ingredienti
(per due persone)
250 gr di riso
un piccolo mazzolino di margherite pratoline
un cucchiaio di olio extravergine di oliva
25 gr di burro
un porro (in mancanza una piccola cipolla bianca)
7,50 dl di brodo di pollo sgrassato(va bene anche quello di dado, meglio se granulare)
parmigiano, pepe ,sale.
Preparazione
Affettate sottilmente il porro (o la cipolla e soffriggete molto lentamente in una padella con il cucchiaio di olio e metà del burro. Aggiungete un mestolo di brodo bollente alla volta, fino a cottura del riso. Mantecate con il resto del burro, qualche cucchiaio di parmigiano,una grattatina di pepe, aggiustate di sale (se necessario) e, da ultimo, i petali delle margherite (ben lavati). Servite aggiungendo ai piatti qualche margherita intera per decorarazione
Tag:

Crumble

Submitted by Vinaigrette on Gio, 13/10/2005 - 05:02
Crumble

Che non è mumble ma "briciola".
Dolce o salato funziona così: uno strato di frutta o verdura coperto da briciole fatte con burro freddo a dadini, farina, zucchero/sale, infornato fino a doratura. Un esempio

Crumble ai frutti di bosco

Ingredienti
Ingredienti per 4 persone:
400 gr di frutti di bosco misti (un misto bosco surgelato va ugualmente bene),
100 gr di farina,
70 gr di burro,
50 gr di zucchero semolato,
cannella in polvere.
Preparazione
-Ungete una pirofila con poco burro e distribuitevi i frutti lavati e asciugati molto delicatamente. Se sono surgelati, non è necessario scongelarli prima.
- Lavorate rapidamente, con la punta delle dita, farina, zucchero, un pizzico di cannella e il burro ben freddo tagliato a dadini fino a ottenere delle briciole grossolane (se non vi riesce usate il robot da cucina per pochi secondi). Versate le briciole sopra la frutta frutta e scuotete leggermente la pirofila perché il tutto si distribuisca in modo regolare.
- Cuocete nel forno già caldo a 220° per circa 30 minuti, finché la superficie risulti dorata.
-Servite ancora tiepido.

I golosissimi possono aggiungere una pallina di gelato alla panna, o una colata di panna liquida fredda. mmmhhhh!!!!

Tag:

Mostarda Di Cremona

Submitted by Vinaigrette on Sab, 08/10/2005 - 17:21
Mostarda Di Cremona

Avete provato a farvi la mostarda in casa? no? oppure sì e non siete molto soddisfatti dei risultati? provate la ricetta che vi proponiamo, facile facile, che richiede solo un po' di pazienza e attenzione:

Ingredienti
-2 kg Frutta mista (pere, mele, ananas, zucca gialla, fichi, mandarini)
-1 kg Zucchero
-Essenza di senape
Preparazione
Mettete la frutta asciutta e tagliata a pezzi (se piccola va bene anche intera) in un recipiente d'acciaio alteranndo strati di frutta a strati di zucchero. Dopo aver fatto riposare il tutto per 24 ore, mettete il recipiente sul fuoco e fate bollire per 5 minuti (dall'inizio del bollore). Spegnete, fate riposare per ancora 24 ore e bollire di nuovo per 5 minuti. Ripetete ancora una volta (24 ore riposo, boll. 5 min.).
Riempite vasi a chiusura ermetica, nei quali avrete versato 5/6 gocce di essenza di senape, con la composta ancora tiepida e conservate al buio.
Tag:

Piccante O Dolce? Comunque Intensa

Submitted by Vinaigrette on Gio, 06/10/2005 - 21:43
Piccante O Dolce? Comunque Intensa

Stiamo parlando di senape e mostarda, termini che inglesi e francesi francesi usano indifferentemente come sinonimi mentre da noi indicano due cose che si differenziano non poco. Vediamo se riusciamo a capirci un po' di più:

La pianta, appartenente alla famiglia delle crocifere e i cui frutti erano già noti ed apprezzati in Cina tremila anni prima di Cristo, è presente in tutto il bacino mediterraneo nelle sue quattro varietà: sinapis alba o brassica alba (senape gialla o bianca), brassica juncea (senape bruna), sinapis nigra (senape nera), brassica sirvensi (senape selvaggia).
L’arbusto, dai fiori giallo acceso e dal fogliame verde squillante, può arrivare all’altezza di 2 metri ed il frutto, a forma di baccello, contiene numerosi grani di senape, pregevoli dal punto di vista nutritivo poiché contengono il 25-32% di proteine e nessuna traccia di colesterolo.
I semi macinati hanno un profumo intenso e pungente, un sapore aspro, irritante, che sprigiona una sensazione di calore tipica dei cibi piccanti e conferisce un gusto inconfondibile alle preparazioni gastronomiche.
Ma che differenza c’è tra senape e mostarda? La lingua ha ingenerato una certa confusione.
Tag:

Minestra Del Paradiso

Submitted by Vinaigrette on Mer, 05/10/2005 - 06:30
Minestra Del Paradiso

Lasciatevi tentare dalla buonissima minestra che vi proponiamo senza però aspettarvi paradisiache sensazioni, perchè come ci dice lo stesso auore, il nostro amatissimo Pellegrino (Artusi, e chi altri se no!)

E` una minestra sostanziosa e delicata; ma il Paradiso, non ci ha nulla che fare.
Montate sode quattro chiare d'uovo, incorporateci dentro i rossi, poi versateci quattro cucchiaiate non tanto colme di pangrattato fine di pane duro, altrettanto di parmigiano grattato e l'odore della noce moscata.
Mescolate adagino onde il composto resti soffice e gettatelo nel brodo bollente a cucchiaini. Fatelo bollire per sette od otto minuti e servitelo.
Questa dose potrà bastare per sei persone.
Tag:

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici