Ricette Vegetariane

Cavolfiori pinoli e uvetta

Submitted by Vinaigrette on Gio, 03/05/2012 - 20:18
cavolfiori_pinoli_e_uvetta.jpg

Il cavolfiore, preziosità ormai di fine stagione ma ancora gustabile data l'incertezza del bel tempo, é un alimento ricco di sali minerali come il Calcio,il Fosforo,Potassio Zinco e Rame e ricco di vitamine come la vitamina A, vitamina C , vitamina K e vitamine B1 B2 B3 B9 e PP inoltre contiene antiossidanti, beta carotene,acido folico ed aminoacidi, principi attivi antinfiammatori ed antibatterici oltre che depurativi e rimineralizzanti.
Prima di acquistarlo fate attenzione: Il cavolfiore deve essere ben chiuso, compatto, con l'infiorescenza soda e senza macchie. Le foglie esterne devono essere croccanti e aderenti alla testa. Un fiore sodo e compatto, con le cimette ben chiuse, è indice di freschezza; la superficie leggermente annerita tradisce una cattiva e prolungata conservazione. Il cavolfiore è infatti un ortaggio delicato, che si deteriora facilmente.
La mamma aveva un piccolo trucco per diminuire l'odore sviluppato dal cavolfiore in corso di cottura: poneva, sopra il coperchio della pentola, una crosta di pane bagnata nell'aceto.

Ingredienti
Per 4 persone
1 kg. di cavolfiore
20 g. di uva sultanina
20 g. di pinoli
1 dl. di olio d’oliva
1 spicchio d’aglio
una punta di peperoncino piccante o un pizzico di pepe (se graditi)
sale q.b.
Preparazione
Mettete a bagno l’uvetta in una ciotola con acqua tiepida per 20 minuti. Mondate il cavolfiore, lavatelo e dividetelo in cimette. Portate a ebollizione abbondante acqua, cuocete il cavolfiore per 5/8 minuti, poi scolatelo. Fate scaldare l’olio in una casseruola unite l'aglio schiacciato, il peperoncino e i pinoli e fateli appena dorare quindi unite il cavolfiore e l’uvetta scolata e il sale. Mescolate e fate cuocere a fuoco allegro (con attenzione) per 10 minuti e servite.

Bignole di cavolfiore

Submitted by Vinaigrette on Dom, 29/01/2012 - 20:58
bignole_di_cavolfiore_0.jpg
bignole_di_cavolfiore_02_0.jpg
bignole_di_cavolfiore_03_0.jpg

Sarà capitato anche a voi di sfogliare le piccole riviste distribuite dai supemercati che contengono informazioni e consigli, naturalmente di carattere culinario. Orbene, tempo fa, una ricetta aveva suscitato particolare interesse, tanto da meritare ritaglio e conservazione, in attesa di più concreta ispirazione. Il momento giunge, nella media mattinata, a motivo della disponibilità del principale ingrediente: l' appena lessato cavolfiore. Tutto ok l'impasto, la frittura e l'apparenza, le bignole, infatti, si sono gonfiate perfettamente, come di dovere. Al momento dell'assaggio, però, l' aspettativa di croccantezza (l' unica, a personale giudizio, che fa meritare alle occasionali fritture il peccato di gola) si è infranta di fronte al boccone, tutto sommato non disdicevole ma decisamente "incorporeo". Migliore il risultato della sperimentazione in forno (fuori ricetta) ma in ogni caso la spesa, in termini di tempo, non vale proprio l'impresa a meno, naturalmente, di preferenze e gusti di segno opposto

Ingredienti
gr 125 di acqua
gr 65 di farina
gr 30 di burro
2 uova
gr 200 di cimette di cavolfiore lessate
un cucchiaio di grana
sale q.b
olio di semi di arachidi .b.
Preparazione
Portate a bollore l'acqua con il burro e un pizzico di sale; versate la farina e mescolate finchè si staccherà dalla casseruola con un leggero sfrigolio. Fate raffreddare e incorporate, sempre mescolando (meglio se con la frusta- anche elettrica) un uovo e al completo assorbimento di questo l'altro uovo. Aggiungete a questo punto il cavolfiore tagliuzzato e il grana.
Friggete piccole cucchiaiate del composto in olio profondo. Scolate le bignole su carta assorbente e servite.

Melanzane trifolate con ceci tostati ed erbe aromatiche

Submitted by Vinaigrette on Mer, 14/12/2011 - 07:42
melanzane_trifolate_con_ceci_tostati.jpg

ceci_tostati.jpg
Dopo tante dolcezze, come da post precedenti, una proposta salata, (ma non come i tempi che stanno correndo), che viene dalla garbatissima Laura la quale suggerisce, ulteriormente, l'aggiunta di semi di lino, anche questi tostati, non ancora personalmente sperimentata, ma in programma pressochè per l'immediato.

Ingredienti
per 4 persone:
500 gr di ceci lessati
2 belle grosse melanzane
1 scalogno (oppure una piccola cipolla rossa)
erbe aromatiche varie (basilico, timo, erba cipollina, origano...)
sale e olio extravergine di oliva q.b.
Preparazione
Lavate le melanzane, tagliatele a tocchetti, ponetele in uno scolapasta, spruzzatele di sale e lasciatele a perdere la loro acqua amarognola per almeno un ora. Intanto in una padella antiaderente fate rosolare i ceci ben sciacquati e scolati e tenete da parte. Nella stessa padella versate qualche cucchiaiata di olio e un pochino di acqua (meglio una spruzzata di vino bianco) e fate appassire la cipolla o lo scalogno e trifolate i cubetti di melanzane con le erbe aromatiche che più gradite. Aggiungete i ceci rimestate ed ecco fatto.

Risotto al radicchio con le mele

Submitted by Vinaigrette on Lun, 31/01/2011 - 22:23
risotto al radicchio con le mele
risotto al radicchio con le mele
risotto al radicchio con le mele
risotto al radicchio con le mele

Dedicato a Pina che segnala l'eccessiva distanza tra un post e l'altro.
Il motivo principale, a dir la verità, non è solo la tirannia del tempo a disposizione ma, essenzialmente, il desiderio di riproporre a se stessa, piatti particolarmente graditi, dei tantissimi già inseriti nel blog come, per esempio, in questo lungo e freddo inverno:

Gnocchi ripieni
Minestra di pasta e cavolfiori
Calamarata Zucca e Rosmarino
Minestra di gnocchetti di polenta con fagioli
Zuppa di Patate e Lenticchie con salsiccia
Ravioli dolci di ricotta con salsa di pomodoro
Savarin di Polenta ai funghi pioppini
Timballo di riso con carciofi, pinoli e uvetta
Zuppa di Farro
e ancora, ancora ancora....

Ingredienti
per 4 persone

Una Mela (golden)
un cespo di radicchio rosso (di treviso o altro a piacere)
1 scalogno
20 gr di burro
4 cucchiai di olio
30 ml di vino bianco secco
500 ml di brodo vegetale
350 gr di riso
50 gr di grana

Preparazione
Far appassire lo scalochio tagliato a fettine in una padella con olio e burro; aggiungere la mela tagliata a tocchetti, far rosolare qualche minuto e poi aggiungere ancora il radicchio ben lavato e tagliato a striscioline, fate saltare a fiamma vivace, quindi aggiungete il riso e fatelo insaporire un poco. A questo punto cominciate a versare il brodo vegetale un poco alla volta come per un normale risotto. Portate a cottura, aggiungete il formaggio e servite.

trofie spinaci pere e gorgonzola

Submitted by Vinaigrette on Lun, 08/11/2010 - 07:38
Spinaci
Pere
trofie spinaci pere e gorgonzola

Una ricetta che viene la Laura Giusti e che continua a svelare quello che una volta doveva rimanere assolutamente un segreto e cioè "non far sapere al contadino la bontà del cacio abbinato alle pere" . Probabilmente il riferimento del detto è ad un cacio più solido come il pecorino, ma il gorgonzola sempre alla famiglia appartiene e, comunque, conferma pienamente la felicità dell'abbinamento.

Ingredienti
per 4 persone
gr 300 di trofie
gr 300 di spinacini novelli (oppure i cuori di spinaci normali)
gr 100 di gorgonzola
olio extravergine di oliva 4-5 cucchiai (oppure burro)
2 pere william o abate (mature ma non troppo)
uno scalogno
sale qb pepe se gradito
Preparazione
In una capace padella (capace di ospitare successivamente anche la pasta) far appassire lo scalogno nell'olio o nel burro, aggiungere le pere sbucciate e tagliate a pezzetti , tenendone metà da parte per la decorazione finale del piatto (Vinaigrette se ne dimentica costantemente) , lavare benissimo gli spinaci e versarli nella padella coprite con un coperchio e abbassate la fiamma al minimo. Nel frattempo lessate in abbondante acuq salata le trofie, scolatele, versatela nella padella con gli spinaci e le pere, aggiungete il gorgonzola, mescolate ben bene e servite decorando i piatti con fettine di pera .

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici