Antipasti, Primi Piatti e Pietanze di Pesce

Cozze Gratinate

Submitted by Vinaigrette on Gio, 23/10/2008 - 21:52
Cozze gratinate
Cozze gratinate

Cozza è il nome comune dei molluschi del genere Mitilo, (Mytilus aedulis e del Mytilus galloprovincialis).I nomi dialettali sono diversi : muscolo, dattero nero, peocio, mosciolino ecc. Il mitilo vive attaccato alle rocce o a substrati duri per mezzo del bisso, quel filamento o ciuffetto che vediamo uscir fuori lateralmente dalle valve dell’animale; questa struttura filamentosa gli impedisce di venir spazzato via dalle forti mareggiate.
La cozza vive vicino alla costa in aggregati molto numerosi. E’ comune nel Mediterraneo, nel Mar Nero e in Oceano Atlantico. E' intensamente allevata in Italia. E' saporita, povera di grassi e ricca di ferro. La cottura prolungata ne fa un alimento sicuro. Il termine cozza viene generalmente utilizzato per indicare ragazze non proprio belle, ad eccezione di Taranto dove al contrario, se dite ad una fanciulla "Sei una Cozza" vi beccate non un ceffone ma felice riconoscenza per il bel complimento(Parola di Palma D'Onofrio)

Ingredienti
30 cozze
1 spicchio di aglio
60 gr di mollica di pane raffermo
30 gr di grana grattugiato
1/2 bicchiere di vino bianco
un cucchiaino di erba cipollita tratata
olio extravergine di oliva, pepe o peperoncino q.b.
Preparazione
Lavate le cozze,(buono sarebbe farle spurgare in acqua salata per un'oretta) raschiate i gusci, uno per uno, molto bene (con una spazzola di metallo o lana d'acciaio), asportate il bisso (quella barbetta che fuoriesce da un lato), risciacquate ancora in acqua fredda, mettetele in una capace padella, aggiungete del peperoncino (la quantità dipende dal gusto personale)il vino (lasciandone da parte due cucchiai) coprite con un coperchio e fatele aprire a fiamma vivace.
Non appena aperte togliete alle cozza la valva vuota, sistematele in una teglia da forno unta con un filo d'olio e filtrate il liquido di cottura.
In una ciotola aggiungete alla mollica di pane l'erba cipollina, una cucchiaiata di vino, uno due cucchiai di liquido filtrato e ponete un po' di questa panure sui molluschi, irrorate con un sottilissimo filo di olio, infornate a 180° per circa 10 minuti, solo il tempo necessario per la gratinatura

Linguine alle vongole con crema di zucchine e zenzero

Submitted by Vinaigrette on Gio, 14/02/2008 - 22:44
vongole crema di zucchine e zenzero
linguine vongole crema di zucchine e zenzero

La ricetta è di Palma D'Onofrio, fino a ieri maestra di piccoli gruppi di appassionati e oggi di qualche milione di affezionati a "La prova del Cuoco". Le proposte di Palma catturano l'attenzione, prima ancora del palato, per l'originalità unita alla davvero semplice modalità di esecuzione.

Ingredienti
per 4 persone
250 gr di linguine
500 gr di vongole
400 gr di zucchine
1 scalogno
1 spicchio d'aglio
1 cicchiaino di zenzero grattugiato
1/2 bicchiere di vino bianco
olio sale peperoncino.
Preparazione
Intanto riempite una capace pentola di acqua e portate a bollore per cuocere la pasta; quindi, in un tegame, fate rosolare lo scalogno nell'olio, appena sarà imbiondito unite le zucchine tagliate a julienne e fatele insaporire, salate e appena cotte passate tutto nel mixer. Buttate nell'acqua bollente le linguine. Lavate le vongole benissimo, mettetele in una padella con lo spicchio d'aglio e il peperoncino, bagnate con il vino, coprite e fatele aprire, aggiungete la crema di zucchine e lo zenzero grattugiato. Scolate la pasta al dente e versatela nel tegame con le vongole, date saltare brevemente e servite subito.

Salmone di Teresa

Submitted by Vinaigrette on Dom, 16/12/2007 - 19:58
salmone

Il suggerimento questa volta viene dall'amica (carissima) Teresa che, data la facilità di esecuzione, lo dedica a tutti i principianti come pure agli esperti di "buona forchetta" con poca voglia, però, di stare molto tempo appresso ai fornelli.

Ingredienti
una fetta di salmone a persona
una due patate a persona (a seconda della grandezza)
olio sale rosmarino q.b.
Preparazione
Sistemate le fette di salmone (freschissimo)in una teglia unta con appena un filino di olio e.v.o. ; circondate le fette di spicchi di patate; cospargete con poco rosmarino triturato e un pizzico di sale (chi vuole può aggiungere un poco di pepe); aggiungete un altro filino di olio e coprite la teglia con carta stagnola.
Mettete nel forno già caldo, e cuocete a 180° 15 minuti. Togliete quindi la carta stagnola e fate rosolare per altri 5/10 minuti.

Orecchiette con vongole veraci e fiori di zucca

Submitted by Vinaigrette on Dom, 26/08/2007 - 01:37
Orecchiette vongole e fiori di zucca
Orecchiette vongole e fiori di zucca

A Roma, nei pressi di Piazza Bologna, per la precisione in via Michele di Lando, 28/36, da Enrico e Bruno, potete gustare le "vere" orecchiette in questione. Quelle presentate sono una "ricostruzione" immaginata attraverso le papille gustative. Graditissimi, come sempre, consigli e suggerimenti migliorativi. Imperitura riconoscenza per la ricetta originale.

Ingredienti
per 4 persone
un sacchetto di vongole veraci
400 gr di orecchette pugliesi fresche
5-6 fiori di zucca
mezzo bicchiere di olio evo
2 dl di panna liquida
2 cucchiai rasi di pecorino romano grattugiato
2 spicchi di aglio
un ciuffetto di prezzemolo
Preparazione
Mettete almeno per qualche ora le vongole a bagno in abbondante acqua salata (possibilmente usate il sale marino integrale), quindi lavatele vigorosamente e ponetele sul fuoco in una capace padella con qualche cucchiao di acqua. Fatele aprire, buttate quelle che rimangono chiuse. Contemporaneamente mettete sul fuoco una pentola con l'acqua e appena a bollore buttate le orecchiette. Intanto in una ulteriore padella (saltapasta) mettete l'olio e gli spicchi di aglio privati del germe e tagliati a pezzettini. Fate imbiondire l'aglio e aggiungete i fiori di zucca ben lavati e privati del pistillo. Versate le vongole e un po' della loro acqua filtrata. Scolate le orecchiette e mettete anche queste nella padella con le vongole e i fiori di zucca, aggiungete la panna e il pecorino romano il prezzemolo tritato finemente e girate bene. Se necessario aggiungete ancora un poco di acqua delle vongole e servite subito.

linguine agli scampi

Submitted by Vinaigrette on Ven, 01/06/2007 - 23:13
linguine agli scampi

Cucinare il pesce passa per cosa difficile o, quantomeno, impegnativa. In realtà se si tiene conto che tutte le pescherie sono disposte a pulire quanto da voi acquistato e che il maggior apprezzamento è reso possibile dalla semplicità della preparazione allora i principianti si renderanno conto che l'accesso al tema non è affatto loro negato.
Nel caso degli scampi, poi, non è necessario neanche l'aiuto del pescivendolo, perchè basta togliere ai meschini le antenne e quelle che sembrano zampine e lavarli velocemente sotto l'acqua corrente (qualcuno toglie anche gli occhi ma la cosa appare eccessivamente cruenta) .

Ingredienti
per 4 persone
500-600 gr di scampi
350-450 gr di linguine
2 pomodori tondi ben maturi
2 spicchi di aglio
un bicchiere di olio e.v.o. (extravergine di oliva)
mezzo bicchiere di vino bianco secco
prezzemolo, peperoncino, sale q.b.
Preparazione
Mettete sul fuoco una pentola con l'acqua per la pasta e portate a bollore. Nel frattempo spellate i pomodori, scolateli della loro acqua e tagliateli a cubetti. Pulite e lavate gli scampi. In una padella (capace di contenere scampi e pasta) versate l'olio, mettete gli spicchi di aglio schiacciati, il peperoncino se e nella quantità che vi piace e fate scaldare a fiamma bassa (non rosolare). quando l'olio è ben caldo (l'aglio e il peperoncino sfrigolano) buttate gli scampi, alzate la fiamma e rigirateli tre o quattro volte. Versate il vino bianco, fate evaporare. Buttate nell'acqua che nel frattempo bolle un pugnetto di sale e le linguine. Aggiungete agli scampi nella padella i cubetti pomodori e rigirate. Quando la pasta è al dente scolatela e versate anche questa nella padella insieme ad un cucchiaino di prezzemolo tritato. Fate insaporire qualche minuto girando e servite.

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici