Piatti Unici

Guazzetto di Rana Pescatrice con carciofi in Carta Fata

Submitted by Vinaigrette on Mer, 19/01/2011 - 22:02
Cartoccio di Rana Pescatrice
Rana Pescatrice
...la base del mio pensiero è quella di andare alla ricerca di tutto ciò che la mente può creare affinchè il cuoco sia messo nella condizione di rispettare l'alimento che viene fornito perfetto dalla natura o dalle mani sapienti dell'uomo, in modo che quando viene manipolato non perda quei valori nutrizionali e quei sapori che servono a deliziare e nutrire l'umanità...
Fabio Tacchella è prima di tutto cuoco, ma anche scultore, inventore e scrittore. Tutte queste passioni si alimentano a vicenda e trovano la sintesi più alta in cucina, dove il suo estro inesauribile trova la migliore espressione. L’inventiva e la grande maestria si esprimono in modo sempre più straordinario ed efficace anche nell’ideazione di strumenti da cucina e sistemi di cottura innovativi, tutti coperti dai suoi brevetti. Da un’esigenza nata 10 anni fa, quando venne proibito l’utilizzo della normale pellicola nella cottura degli alimenti, Fabio Tacchella ha studiato una carta, denominata poi FATA® come firma di Fabio Tacchella, in grado di resistere alle alte temperature (da 130° a 220°). Carta FATA® crea un nuovo modo di cucinare, consentendo di mantenere il sapore originario degli alimenti e la maggior parte dei valori nutrizionali contenuti in essi.Cottura più sana, leggera e veloce con meno condimenti, il cibo cuoce nel proprio liquido,
senza dispersione di sali minerali e vitamine. Questo contatto continuo liquido/pietanza accelera il processo di cottura.
Piatti più saporiti. Tutti i sapori e i profumi restano intatti e si sprigionano per magia al momento dell'apertura del cartoccio.
I cartocci si possono preparare, congelare e mettere a cuocere all'occorrenza.

Molto scenografici i cartoccini monoporzione. Per il cartoccio della foto sono stati utilizzati pesce, crostacei e molluschi freschissimi (quasi vivi) (poverini!):

Ingredienti
per 4 persone
Una Rana Pescatrice da circa 1 KG
4 scampi, 4 mazzancolle
vongole
3 carciofi lessati
2 patate lessate
pomodori pachini
uno spicchio di aglio
un po' di prezzemolo
sale q.b.
(volendo:pepe)
Preparazione
Lavare e pulire il pesce, mettere un foglio di carta fata in una teglia (che andrà in forno), sistemare alla base le patate affettate e i carciofi tagliati a spicchi, al centro la Rana Pescatrice con lo spicchio di aglio in bocca e intorno scampi, mazzancolle e pomodori pachini tagliati in 3 o 4 parti. cospargere di sale e prezzemolo, chiudere il cartoccio e infornare a 200° per 30-40 minuti. Aprire il cartoccio in tavola e servire-

Insalata di Farro al Pesto di Noci con Rollè di Tacchino al timo e Capperi di Pantelleria

Submitted by Vinaigrette on Dom, 26/09/2010 - 14:51
Farro al pesto di noci con rolle di tacchino ai capperi di pantelleria

Come già spesso in precedenza, anche in questo caso il dire ha richiesto quasi più tempo che il fare. I passaggi sembrano tanti ma sono tutti piuttosto semplici e, in ogni caso, riguardano due ricette che si possono anche realizzare disgiuntamente e con abbinamenti diversi. Il pesto, poi, si può preparare anche con grande anticipo e in maggiori quantità da conservare in frigo per varie occorrenze come, per esempio, per condire la pasta, nel qual caso sarà buona cosa aggiungere grana o pecorino alla salsa prima dell'utilizzo.

Ingredienti

Per 6 persone
400 gr di farro

Per il pesto:
150 gr di gherigli di noci
150 gr di foglie di basilico
1 spicchio (due se piccolini) di aglio rosso
olio extravergine di oliva, sale, q.b.

per il rollè:
500 gr di polpa di tacchino
150 gr di olive verdi
60 gr di capperi di pantelleria (o quelli che avete)
qualche rametto di timo
2 albumi
una salsiccia

Brodo vegetale q.b.

Preparazione

Pesto:
Lavare delicatamente le foglie di basilico e asciugarle con un panno pulito.
Pestare al mortaio (o con il frullatore, o a mano) l'aglio, le noci e poi il basilico, raccogliete il tutto in una ciotola con una spatola, versate a filo l'olio e mescolate fino ad ottenere una salsa densa, ma non troppo, aggiustate di sale e tenete da parte.

Farro:
Cuocete il farro secondo le indicazioni della confezione, scolatelo, passatelo in acqua fredda e conditelo con il pesto appena preparato (o preparato in precedenza e tenuto in frigo).

Brodo vegetale:
preparate il brodo vegetale in una pentola capace di contenere anche il rollè, mettendo insieme: acqua. una carota, un bel gambo di sedano con qualche foglia, un pomodorino un pezzetto di cipolla.

Rollè:
Frullate prima di tutto le olive con i capperi (non dissalati) e mezzo cucchiaino di foglie di timo, aggiungete nel bicchiere del frullatore il tacchino a pezzetti al quale avrete tolto tutti i filamenti, e i due albumi e azionate di nuovo il frullatore per qualche secondo.
Formate, sopra un foglio di pellicola trasparente (assolutamente sena ftalati - leggete l'etichetta) un rettangolo al centro del quale mettereta la salsiccia. Arrotolate e stringete in modo da formare un salsicciotto di circa 8-10 cm di diametro. Buttate il rollè nel brodo vegetale bollente, srotolando la pellicola e cuocete per 15 minuti. Togliete quindi dal brodo, fate raffreddare, effettate e sistemate in un piatto da portata con al centro il farro al pesto di noci.

Insalata quasi greca

Submitted by Vinaigrette on Mar, 10/08/2010 - 21:24
pomodori e cetrioli
insalata greca

Ingrediente fondamentale per questa insalata è il tradizionale formaggio greco Feta, ottenuto da latte di pecora e capra, fatto maturare in salamoia per due/tre mesi
Per essere del tutto greca, all'insalata della foto occorrerebbe aggiungere fettine di cipolla,poco gradita ai destinatari. Certo è che in estate le insalate con i prodotti di stagione oltre ad essere decisamente fresche e gustose, sostengono di molto la diminuita propensione alla permanenza intorno a fuochi e fornelli.

Ingredienti
Per 4 persone:
4 pomodori
1 cipolla rossa di medie dimensioni
1 cetriolo
100 gr si olive greche (possibilmente)
150gr. di formaggio FETA
qualche fogliolina di origano
olio extravergine d’oliva
sale q.b. pepe (volendo)
Preparazione
Lavate, tagliate gli ortaggi e poneteli in un piatto da insalata, aggiungete il formaggio tagliato a tocchetti e le olive, irrorate il tutto con olio evo, aggiungete sale e pepe come di gusto

Pallott' casc' e ova (Polpette cacio e uova)

Submitted by Vinaigrette on Dom, 14/12/2008 - 22:12
Polpette di Formaggio

La condivisione di uno dei pezzi forti della cucina tradizionale abruzzese è di grande soddisfazione soprattutto se si confessano i reiterati fallimenti che hanno preceduto il più che dignitoso ultimo risultato (quello della foto). E già, perchè si fa presto a dire mescolare gli ingredienti, formare delle polpette e friggerle, il tutto non è proprio così banale: la mollica deve essere di pane tipo casereccio, non fresco ma neanche troppo raffermo, idem per il formaggio; la proporzione tra gli ingredienti va calibrata a seconda della consistenza degli stessi e della grandezza delle uova. Una volta, però, azzeccato l'impasto, ogni successiva ripetizione è garantita. Il suggerimento è di prepararne un bel po', giacchè ci si trova, e di congelarne una parte.
La ricetta completa prevede "la discesa" delle polpette, una volta fritte, in un sughetto di pomodoro molto leggero (c'è chi aggiunge anche stiscioline di peperoni).

Ingredienti
200 gr di formaggio grattugiato misto (rigatino, parmigiano)
2 uova
mollica di pane raffermo q.b.
un ciuffo di prezzemolo
uno spicchio di aglio
olio per friggere (di arachidi o di oliva)
Preparazione
Rompete le uova in una ciotola, mescolate con una forchetta e versate a pioggia il parmigiano. Aggiungete la mollica di pane mescolata con aglio e prezzemolo tagliuzzati finemente fino ad ottenere un composto morbido. Fate riposare l'impasto per 15 minuti, quindi formate delle polpette oblunghe(quenelle) aiutandovi con due cucchiai. Friggete in olio bollente e scolate su carta assorbente.

Panettone agli Spinaci

Submitted by Vinaigrette on Lun, 17/11/2008 - 22:39
panettone di spinaci
Panettone agli spinaci
Panettone di spnaci

La ricetta è di Claudio Venturini. Il procedimento è un po' lungo ma il risultato è un pane morbido e saporito che ricompensa grandemente dell'impegno.

Ingredienti
per la biga:
40 gr di farina
40 gr di latte intero
13 gr lievito di birra
2 gr di malto (o zucchero semolato)
per l'impasto:
biga +
310 gr di farina
45 gr di uova intere
90 gr di latte intero
7 gr di lievito di birra
3 gr di malto
7 gr di zucchero semolato
15 gr di sale fino
60 gr di burro
30 gr di grana
65 gr di spinaci in purea

Per il ripieno:
formaggio philadelphia
prosciutto

Preparazione
Per la biga:
Mescolate gli ingredienti e mettete a lievitare per 30 minuti a 22°.
Riprendete la biga, ammorbiditela con una parte di latte, unite di seguito: farina, lievito, burro ammorbidito, uova, il resto del latte, mescolate ancora, aggiungete malto, zucchero, sale. Impastate finchè il tutto sarà lucido ed elastico, quindi, aggiungete gli spinaci e fate lievitare per 30 minuti. Riprendete l'impasto, sistematelo in uno stampo da savarin. Fate lievitare ancora fino al bordo dello stampo, e cuocete in forno a 180/190° .
Una volta raffreddato, affettate il panettone, spalmate le fette con il philadelphia aggiungete il prosciutto e ricomponete le fette come nella foto.

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici