Ricette Inviate Dalle Amiche

Le Pere di Ersilia

Submitted by Vinaigrette on Dom, 01/02/2009 - 17:44
Pere al vino Rosso

O "Pere al Vino Rosso", preparate magistralmente da Ersilia (la foto non rende propriamente giustizia) in occasione di un evento gioioso che ha visto riuniti amici e parenti intorno ad un appetitosissimo desco allestito, unitamente alla suddetta, dalla impareggiabile Rosetta

Ingredienti
7/8 Pere Abate
1 lt + 1/2 lt di vino rosso Montepulciano D'Abruzzo
mezza stecca di cannella
qualche chiodo di garofano
un baccello di vaniglia
500 gr di zucchero
30 gr di burro
10 gr di farina
granella di nocciole
cioccolato bianco
Preparazione
Mettete sul fuoco un tegame con il vino con lo zucchero, la cannella, i chiodi di garofano e i semini del baccello di vaniglia. Al bollore adagiatevi le pere sbucciate e divise in due. Dopo 20 minuti togliete le pere dal tegame, fate ridurre il liquido a 1/4 e a questo punto aggiungete i 10 gr di farina mescolati con il burro (roux). Non appena il liquido addenza glassate le pere e sistematele in un piatto da portata oppure in piattini o ciotole individuali. Spolverate con granella di nocciole e cioccolato bianco grattugiato

purea di fave con cicoria di montagna

Submitted by Vinaigrette on Gio, 08/01/2009 - 21:57
purea di fave con cicoria

Dopo i bagordi festaioli la gran parte dei propositi sono di dieta ferrea con carote, finocchi, ravanelli e centrioli rigorosamente crudi e sconditi. Niente di più deprimente. Decisamente più solleticante, per occhio e palato, il saporito omaggio della carissima Iliana, autrice del piatto cui è stato aggiunto qualche crostino di pane dorato nell'olio (pochissimo), piuttosto che semplicemente abbrustolito nel forno, per scongiurare eventuale crisi di astinenza da cibo ricco.
Che dire, la pastosità delle fave, il gusto amaro della cicoria, la croccantezza del pane si sono combinati così deliziosamente da far desiderare, con immediatezza, ulteriori porzioni.

Questo piatto della cucina tradizionale pugliese e lucana, considerato povero fino a qualche tempo, è diventato, oggi, una ricercatezza gastronomica.
Ingredienti

per 4 persone

Preparazione

Mondate le fave da eventuali impurità (come per le lenticchie), sciacquatele e mettetele a bagno per almeno 4-5 ore (o anche per tutta la notte).Trascorso questo tempo, scolatele e mettetele in una casseruola possibilmente di terracotta, copritele di acqua fredda e fate cuocere a fiamma bassa per circa un ora o poco più. Nel frattempo avrete pulito, lavato ben bene la cicoria, lessata in acqua bollente e scolata in acqua fredda (per ridurre l'amaro e conservare il bel colore verde)
Quando le fave sono pronte, conditele con 3 cucchiai di olio e lavoratele con un cucchiaio di legno (se sono rimaste troppo intere frullatele con il minipimer) fino a trasformarle in una purea non troppo densa.
Tagliuzzate la cicoria cotta (volendo potete ripassarla in padella con il peperoncino) e aggiungetela alla purea, mescolate, distribuite in 4 ciotole,
aggiungete qualche altro cucchiaio di olio, crostini di pane (soffritti o dorati al forno) e servite

Torta di ricotta e pere

Submitted by Vinaigrette on Ven, 03/10/2008 - 21:10
Torta di pere e ricotta

Certo che le streghe sono proprio cattive se decidono di sferrare i loro colpi quasi mortali in occasione del vostro x_esimo compleanno! Guai però a renderle maggiormante soddisfatte con sia pur legittime lamentazioni e inni alla sofferenza.
Recuperare frammenti di buon umore è cosa facile a farsi se in vostro soccorso intervengono prontamente amicizie preziose con fiori, balocchi, chicche e supreme golosità come la torta di Maria Teresa che nella circostanza si è, per grande affetto, cimentata con una delle specialità del mitico Salvatore De Riso .
Grazie grazie e ancora pubblicamente grazie!
(di seguito la ricetta originale)

Ingredienti
per i due dischi di PASTA BISCOTTO:
6 cucchiai di ZUCCHERO,
6 cucchiai di NOCCIOLE tostate e tritate,
2 cucchiai di FARINA,
100 gr. di BURRO morbido,
4 ALBUMI.

per il RIPIENO:
500 gr. di PANNA da montare,
300 gr. di RICOTTA,
200 gr. di ZUCCHERO,
il succo di 1/2 LIMONE,
2 PERE kaiser a dadini cotti in uno sciroppo di acqua, zucchero e il succo di 1/2 limone, il tutto poi ridotto in purea.

per DECORARE:
2 PERE kaiser tagliate in quarti e bolliti nello sciroppo di cui sopra (acqua, zucchero e succo di limone),
PANNA montata quanto basta a decorare i bordi della torta,
FILI DI CARAMELLO fatti facendo bollire 100 gr. di zucchero con 50 gr. di acqua senza mescolare fino a quando il tutto diventa di colore bruno.

Preparazione
CIALDE BISCOTTO:
Amalgamare il burro con lo zucchero e montare a crema. Mescolare la farina e le nocciole e aggiungerle al composto di burro e zucchero alternando con l'albume. Cioè aggiungere poca farina mescolata con le nocciole, poi poco albume e così via, al composto di burro e zucchero.
Mescolare molto bene e mettere in due tortiere imburrate di circa 28 cm. di diametro e cuocere in forno caldo a 180 per 20 minuti (devono essere dorate). Far raffreddare.

RIPIENO:
Frullare la panna con lo zucchero, la ricotta e il succo di mezzo limone.
Comporre la torta mettendo alla base una cialda, coprire con metà della crema di ripieno e spalmarvi sopra la purea di pere.
Adagiarvi sopra l'altra cialda e ricoprirla con il ripieno rimasto.
Mettere la torta in frigo per almeno due ore ma sarebbe meglio prepararla il giorno prima.
Riprendere la torta dal frigo e decorare i bordi con panna montata e spremuta da una siringa per dolci con la bocchetta a stella.
Tagliare gli spicchi di pera a fettine lasciandoli attaccati alla punta (non tagliare le fettine del tutto) in modo da poterli aprire a raggiera e disporli al centro della torta.
Preparare il caramello e farlo raffreddare un pochino e poi ottenere dei fili con la forchetta. Con questi fili formare una cupola con cui coprire la torta. Questa operazione va fatta pochi minuti prima di servire il dolce altrimenti i fili di caramello si sciolgono.

Torta di mele al rosmarino con salsa al profumo di lavanda

Submitted by Vinaigrette on Mer, 19/03/2008 - 22:58
Lavanda

Direttamente da Palma una richiestissima ricetta che per il momento manca di foto, lacuna da colmare al più presto, eventualmente anche da parte di chi andrà a realizzare questa torta così particolare.

Ingredienti
500 gr di mele golden
180 gr di burro
100 gr di mandorle
160 gr di farina
3 uova
220 gr di zucchero
1 bustina di lievito per dolci
1 rametto di rosmarino fresco
SALSA ALLA LAVANDA
½ litro di latte
8 tuorli d’uovo
120 gr di zucchero
40 gr di fiori di lavanda biologici
Preparazione
Preparare la salsa: mettere in infusione nel latte i fiori di lavanda, portare il latte vicino al punto di ebollizione e far raffreddare. Montare i tuorli con lo zucchero, incorporare il latte filtrato e mettere tutto sul fuoco e portare il composto al punto di ebollizione (85° ) punto in cui l’uovo coagula e fa addensare la crema; togliere la crema dal fuoco, passarla al setaccio e metterla in una ciotola fredda per fermare la cottura. Far raffreddare.
Per la torta di mele: stufare le mele tagliate a cubetti con parte dello zucchero, 1 cucchiaio circa, farle raffreddare. Montare il burro (tenuto a temperatura ambiente) con lo zucchero, incorporare, una alla volta, le uova ed aggiungere il rosmarino tritato finemente, sbattere bene il composto e quando è ben gonfio, unire la farina e il lievito setacciati, le mandorle tritate grossolanamente e le mele stufate precedentemente.
Porre il composto in una teglia e cuocere in forno caldo, 180°, per mezz’ora.
Servire il dolce cospargendolo con zucchero a velo e accompagnandolo con la salsa ai fiori di lavanda.

La cucina di Rosetta

Submitted by Vinaigrette on Dom, 24/02/2008 - 22:37
Gamberoni

Crespelle di scampi in salsa vellutata; Spigola con sfogliette di patate; Guazzetto di Gamberoni al Trebbiano d'Abruzzo; Cozze ripiene in salsa di pomodoro; Trionfo di totanetti e vongole su letto di porri stufati;
Che dire di cotanta dimostrazione di capacità culinaria, generoso omaggio di orgogliosissima nonna alla piccola, tenera, dolce, Licinia da poco arrivata! Vinaigrette che ha goduto del privilegio dell'invito non può che pubblicamente ringraziare e attendere ulteriore propizia occasione anche per un contraccambio.

La cucina di RosettaLa cucina di Rosetta-2
La cucina di Rosetta-3La cucina di Rosetta-5
La cucina di Rosetta-6La cucina di Rosetta-7
La cucina di Rosetta-8La cucina di Rosetta-10
La cucina di Rosetta-11La cucina di Rosetta-1

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici