Mostarda Di Cremona

Submitted by Vinaigrette on Sab, 08/10/2005 - 18:21
Mostarda Di Cremona

Avete provato a farvi la mostarda in casa? no? oppure sì e non siete molto soddisfatti dei risultati? provate la ricetta che vi proponiamo, facile facile, che richiede solo un po' di pazienza e attenzione:

Ingredienti
-2 kg Frutta mista (pere, mele, ananas, zucca gialla, fichi, mandarini)
-1 kg Zucchero
-Essenza di senape
Preparazione
Mettete la frutta asciutta e tagliata a pezzi (se piccola va bene anche intera) in un recipiente d'acciaio alteranndo strati di frutta a strati di zucchero. Dopo aver fatto riposare il tutto per 24 ore, mettete il recipiente sul fuoco e fate bollire per 5 minuti (dall'inizio del bollore). Spegnete, fate riposare per ancora 24 ore e bollire di nuovo per 5 minuti. Ripetete ancora una volta (24 ore riposo, boll. 5 min.).
Riempite vasi a chiusura ermetica, nei quali avrete versato 5/6 gocce di essenza di senape, con la composta ancora tiepida e conservate al buio.
Tag:

L'Arte Di Apparecchiare

Submitted by Vinaigrette on Ven, 07/10/2005 - 07:11
Argomenti:
L'Arte Di Apparecchiare

Non sappiamo se Vissani sia davvero "un grande" poichè non abbiamo ancora degustato i frutti della sua così tanto decantata arte culinaria, sicuramente però condividiamole sue considerazioni alal preparazione della tavola come momento importante per bene accogliere ospiti e pietanze.

Fino al periodo delle guerre puniche a Roma, anche nelle case più ricche, la tavola veniva preparata solo con lo stretto necessario, e il valore positivo associato al pasto era quello della frugalità. Poi qualcosa cambia, e il valore sacrale prima riservato ai sacrifici si allarga alla mensa domestica. Si origina così l’attività dell’apparecchiatura, della preparazione, che è in realtà un piccolo rito in cui si appronta lo spazio riservato a un’attività importante l’assunzione del cibo, non più praticata come attività di mero sostentamento ma come espressione di civiltà.
Tag:

Piccante O Dolce? Comunque Intensa

Submitted by Vinaigrette on Gio, 06/10/2005 - 22:43
Piccante O Dolce? Comunque Intensa

Stiamo parlando di senape e mostarda, termini che inglesi e francesi francesi usano indifferentemente come sinonimi mentre da noi indicano due cose che si differenziano non poco. Vediamo se riusciamo a capirci un po' di più:

La pianta, appartenente alla famiglia delle crocifere e i cui frutti erano già noti ed apprezzati in Cina tremila anni prima di Cristo, è presente in tutto il bacino mediterraneo nelle sue quattro varietà: sinapis alba o brassica alba (senape gialla o bianca), brassica juncea (senape bruna), sinapis nigra (senape nera), brassica sirvensi (senape selvaggia).
L’arbusto, dai fiori giallo acceso e dal fogliame verde squillante, può arrivare all’altezza di 2 metri ed il frutto, a forma di baccello, contiene numerosi grani di senape, pregevoli dal punto di vista nutritivo poiché contengono il 25-32% di proteine e nessuna traccia di colesterolo.
I semi macinati hanno un profumo intenso e pungente, un sapore aspro, irritante, che sprigiona una sensazione di calore tipica dei cibi piccanti e conferisce un gusto inconfondibile alle preparazioni gastronomiche.
Ma che differenza c’è tra senape e mostarda? La lingua ha ingenerato una certa confusione.
Tag:

Minestra Del Paradiso

Submitted by Vinaigrette on Mer, 05/10/2005 - 07:30
Minestra Del Paradiso

Lasciatevi tentare dalla buonissima minestra che vi proponiamo senza però aspettarvi paradisiache sensazioni, perchè come ci dice lo stesso auore, il nostro amatissimo Pellegrino (Artusi, e chi altri se no!)

E` una minestra sostanziosa e delicata; ma il Paradiso, non ci ha nulla che fare.
Montate sode quattro chiare d'uovo, incorporateci dentro i rossi, poi versateci quattro cucchiaiate non tanto colme di pangrattato fine di pane duro, altrettanto di parmigiano grattato e l'odore della noce moscata.
Mescolate adagino onde il composto resti soffice e gettatelo nel brodo bollente a cucchiaini. Fatelo bollire per sette od otto minuti e servitelo.
Questa dose potrà bastare per sei persone.
Tag:

Sushi Platter

Submitted by Vinaigrette on Mar, 04/10/2005 - 20:32
Sushi Platter

Dopo avervi svelato Il Segreto Per Un Sushi Perfetto come potevamo lasciarvi senza lo specialissimo e specifico piatto che, tra un sushi e l'altro, potreste comunque usare per altre prelibatezze che prevedano squisite salsine di accompagnamento!

This porcelain platter provides a generous serving surface for prepared sushi, sashimi, or other hors d'oeuvres. Designed with a center well that holds dipping sauces. Comes with two pairs of lacquered cherry wood chopsticks that fit neatly into grooves on each side of the platter. Hand-wash only

Tra l'altro, visto che l'oggetto proviene dal MOMA (design Anthony Baxter, 2005), è anche possibile eventualmente proporlo come oggetto d'arte e richiedere il pagamento del biglietto più per la visione che per l'uso, con l'ulteriore fine di ammortizzare la relativa spesa (50 dollari) oltre ai costi dell'aiuto domestico che sarete costretti a procurarvi al momento della pulizia dell'attrezzo in quanto il medesimo rimanendo comunque un piatto, va, aihmè!, anche lavato e, con estrema perizia, esclusivamente a mano.

Tag:

Contattami

E-Mail Us

Hai ricette o notizie di cucina che vuoi condividere?
Fai una segnalazione!

Commenti Recenti

Cose d'Abruzzo

Seguici